Legambiente Onlus

Ambientalismo scientifico, volontariato, solidarietà

Legambiente è nata nel 1980, erede dei primi nuclei ecologisti e del movimento antinucleare che si sviluppò in Italia e in tutto il mondo occidentale nella seconda metà degli anni ’70.

Tratto distintivo dell’associazione è stato fin dall’inizio l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

L’approccio scientifico, unito a un costante lavoro di informazione, sensibilizzazione e coinvolgimento dei cittadini, ha garantito il profondo radicamento di Legambiente nella società fino a farne l’organizzazione ambientalista con la diffusione più capillare sul territorio: oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali.

Legambiente è un’associazione senza fini di lucro, le attività che organizziamo sono frutto dell’impegno volontario di migliaia di cittadini che con tenacia, fantasia e creatività si impegnano per tenere alta l’attenzione sulle emergenze ambientali del Paese.

Perché un ambientalismo scientifico

Legambiente è convinta da sempre che un nesso inscindibile leghi il progresso della scienza, di una scienza libera e responsabile, all’obiettivo di contrastare il degrado ambientale che minaccia gli equilibri ecologici, colpisce la vita degli uomini di oggi, ipoteca il destino delle future generazioni.Sebbene i movimenti ecologisti siano stati influenzati anche da posizioni utopistiche, l’ambientalismo è però un pensiero politico a forte impronta scientifica, le cui radici affondano nei nuovi paradigmi scientifici sull’interazione tra uomo e ambiente affermati dalla biologia e dall’ecologia nel corso dell’Ottocento e del Novecento, a partire dalla definizione del ruolo dell’ambiente nella teoria darwiniana dell’evoluzione. Del resto, la continuità tra l’ecologia come riflessione scientifica ed epistemologica e l’ambientalismo come pensiero e movimento politico è testimoniata dalla formazione tecnico-scientifica di moltissimi dei protagonisti antichi e recenti dell’impegno per la difesa dell’ambiente: dai botanici americani che all’inizio del secolo scorso s’impegnarono per la creazione dei primi parchi nazionali, fino ai biologi, ai fisici, agli economisti “padri fondatori” trent’anni fa dell’ecologia politica.

Punte avanzate della “società della conoscenza”, la ricerca e la scienza sono strumenti indispensabili per realizzare la riconversione ecologica delle produzioni e dei consumi, e in particolare in Paesi come l’Italia sono risorse decisive per costruire un futuro economicamente solido e ambientalmente sostenibile.

Difendiamo la straordinaria varietà ambientale e culturale del nostro Paese

Denunciamo qualsiasi abuso a danno degli ecosistemi e l’uso indiscriminato delle risorse. Ci battiamo per difendere il clima del Pianeta. Siamo contro il nucleare, contro le fonti fossili, a favore delle energie rinnovabili e pulite. Siamo convinti che gli Ogm siano dannosi, promuoviamo l’agricoltura biologica e di qualità. Proponiamo nuovi stili di vita per vivere in armonia con l’ambiente. Tuteliamo il patrimonio artistico e culturale dei territori. Proponiamo percorsi educativi nelle scuole per crescere generazioni informate e consapevoli. Lottiamo contro qualsiasi forma di discriminazione e ingiustizia sociale, promuoviamo i valori del volontariato, della solidarietà, della pace.